Bravissimo VIOLA, la finale è tua. Adesso in campo VOLANDRI


Contro ogni pronostico il tennista mestrino batte al terzo set il finalista dello scorso anno, il francese Edouard Roger Vasselin, in un incontro giocato ad altissimo ritmo. E’ il primo finalista del torneo singolare, in attesa del vincente tra Volandri e Jouan, adesso in campo. Il “rischio” di una finale tutta italiana, in programma domenica alle 18, adesso è altissimo
 
ORBETELLO – Un italiano in finale ad Orbetello non si vedeva da tempo. A sorpresa il giocatore che ha sfatato la tradizione orbetellana che vedeva il finalista dell’anno prima vincere poi il torneo l’anno successivo è Matteo Viola. Il match si è chiuso in tre set, con il punteggio di 6-3, 2-6, 6-4 al termine del quale Matteo Viola ha fatto esplodere di gioia le centinaia di persone sugli spalti del campo centrale “Enzo Bastogi”. “Ho giocato un bel match contro un avversario completo, con grande varietà di colpi e uno stile molto aggressivo. Ma ho giocato proprio sull’aggressività. Era molto difficile riuscire a colpire i suoi punti deboli. Ho avuto un po’ di paura in chiusura di primo set ma soprattutto alla fine. Adesso spero in una finale tutta italiana ma a prescindere da chi sarà il mio avversario, sono carico al massimo”. La certezza che un italiano si giocherà il titolo del “Terzo trofeo Stefano Bellaveglia” si è realizzata. Adesso l’attesa è rivolta a Filippo Volandri, adesso in campo contro Romain Jouan, il francese che nei quarti ha eliminato Paolo Lorenzi.
Alle 21 sul centrale si gioca l’epilogo del torneo di doppio con la coppia Jouan/Paire da una parte e Kwnole/Zelenay dall’altra.
 
Risultati di sabato 23 luglio
Tabellone singolare maschile – Semifinale
Matteo Viola (Ita) b. (6) Edouard Roger-Vasselin (Fra) 6-3 2-6 6-4
Adesso in campo: (1/WC) Filippo Volandri (Ita) vs. Romain Jouan (Fra)
Tabellone doppio maschile – Finale
Ore 21: Romain Jouan (Fra)/Benoit Paire (Fra) vs. (2) Julian Knowle (Aut)/Igor Zelenay (Svk)

  • Delicious
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS Feed
  • Google
  • Digg
  • LinkedIn
  • Technorati

Lascia un commento