Riserva del lago di Burano


La Riserva del Lago di Burano, riconosciuta anche come Zona di Importanza Internazionale ai sensi della Convenzione di Ramsar, e stata istituita nel 1980 ed e gestita dal Wwf. Si trova nel Comune di Capalbio ed occupa una superficie di 410 ettari compresi tra Ansedonia e il Chiarone, di cui 140 occupati dal lago.
Partendo dal mare la vegetazione che caratterizza la spiaggia comprende gigli di mare, soldanelle di mare e santoline, cespugli di ginepro fenicio e coccolone. Il sottobosco e formato da lentisco, mirto, fillirea, erica e ginepro, mentre la foresta e composta da leccio, sughere, roverelle, aceri e rovere.

La fauna è molto interessante ed abbonda soprattutto d’inverno quando si possono osservare oche selvatiche, gabbiani, beccapesci, tarabusi e aironi cenerini. Nel canneto della riserva vivono numerosi usignoli di fiume, cannareccioni, forapaglie castagnoli e migliarini di palude. Numerose anche le varie specie di anatre come le morette e i moriglioni. Tra i rapaci troviamo il falco di palude e il falco pescatore. La macchia e popolata da uccelli silvani come capinere e pettirossi, mentre un ospite tipico e la tortora dal collare. Sul mare sono sempre più frequenti incontri con specie nordiche come la sula.

Nei prati si possono scorgere pavoncelle e pivieri dorati. Numerosi i daini. Nella macchia e tra le radure sabbiose della duna vivono l’istrice, il tasso, il coniglio selvatico, la puzzola e il riccio. Tra i rettili la testuggine terrestre e palustre, cervoni, vipere, biacchi, saettoni, lucertole e ramarri.

Come arrivarci: da Grosseto si imbocca la Statale Aurelia verso sud, si prende il bivio per Capalbio Scalo al Km 131; oltre il passaggio a livello sulla sinistra si seguono le indicazioni per l’Oasi del WWF.

  • Delicious
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS Feed
  • Google
  • Digg
  • LinkedIn
  • Technorati

Lascia un commento